PREVENIRE LE MALATTIE DEL LEGNO, QUESTO E’ IL MIO PROGETTO, SIA IN VITICOLTURA SIA IN ARBORICOLTURA

La nascita del progetto

Mentre lavoravo nelle vigne del Friuli Venezia Giulia mi sono accorto che la quotidianità del lavoro poteva pian piano migliorare con piccole innovazioni pratiche, nella gestione della potatura: i vecchi potatori hanno sempre disinfettato le forbici per prevenzione, oggi alcuni studi hanno dato ragione ai nostri nonni. Per questo ho fondato la FINEST GRAPE TECH, un progetto work in progress che si occupa principalmente della prevenzione della malattie del legno causate dalla trasmissione attraverso le lavorazioni in campo. Nuovi progetti vengono costantemente aggiornati, mentre qui sotto troverai le due soluzioni per la prevenzione nell’arte della potatura che ho sviluppato fin’ora. Semplici accorgimenti, da chi lavora – a chi lavora.

Mal dell’Esca

I funghi che sono considerati ormai i principali agenti del complesso del mal dell’esca, sono Phaeomoniella chlamydospora Phaeoacremonium aleophilum, ma si sospetta ce ne siano altri tre i quali concorrono al manifestarsi dei sintomi sulla pianta di vite. Questo complesso è causato dall’infezione dei funghi i quali vengono trasmessi con le lavorazioni meccaniche in vigneto (potatura in prima linea); questi patogeni si diffondono all’interno dei vasi xilematici e floematici della pianta, entrando principalmente dalle ferite di potatura. Inoltre l’infezione viene trasmessa da una pianta colpita dal mal dell’esca ad una sana, attraverso le forbici di potatura. Le infezioni hanno diversi stadi, con manifestazioni sintomatologiche differenti e possono portare alla carie e infine alla morte della pianta. Si capisce così l’importanza di prevenire le infezioni disinfettando le forbici con cui potiamo i nostri vigneti, e disinfettando le ferite create.

Un vigneto storico

Quando parliamo di territorialità in viticoltura, parliamo di un un microclima, un patrimonio genetico unico, una cultura storica; tutti questi elementi fanno si che un determinato vigneto produca un’uva di qualità unica che può esprimere le sue peculiarità solamente all’interno di quella particella. Da un vigneto storico con piante molto longeve, si originano vini unici al mondo. Per questo motivo è fondamentale preservare le piante originali, prevenendo la loro estirpazione dopo che sono state colpite dal mal dell’esca; solo così una vigna piantata sessant’anni fa darà lo stesso straordinario vino. Per fare ciò abbiamo solo un’arma. Si chiama prevenzione.